AMBULATORIO DI NEUROCHIRURGIA

Le discopatie sono largamente diffuse nella popolazione generale con un notevole aumento dell’incidenza nel corso degli ultimi anni.

La conoscenza delle cause e delle caratteristiche di tali patologie costituisce pertanto un presupposto fondamentale sia per la formulazione di una corretta diagnosi che per la ricerca di adeguati criteri atti a porre l’idoneo trattamento.

Le linee guida stilate in base alla congruenza di dati anamnestici, clinici, neurologici e neuroradiologici assumono oggi sempre maggiore rilevanza, consentono di individuare la migliore strategia terapeutica per il paziente e di arrivare al momento giusto ad una eventuale opzione chirurgica.

La protrusione o bulging discale è una estensione del margine esterno dell’anulus sul piano orizzontale al di là dei limiti dello spazio discale, generalmente per oltre il 25% della circonferenza del disco e di solito con una sporgenza non superiore ai 3 mm.

L’ernia discale è una patologia degenerativa caratterizzata da dislocazione localizzata di materiale discale (nucleo polposo) oltre i normali limiti dello spazio del disco intervertebrale (anulus fibroso) che si manifesta con un quadro clinico caratterizzato da dolore, ed, in caso di radicolopatia, da disturbi sensitivi e motori con una distribuzione radicolare, limitazione o impotenza funzionale.

La patologia discale è presente in soggetti asintomatici con un’incidenza dal 20% al 40%. L’età più colpita va dai 30 ai 50 anni, con un picco intorno ai 40. In oltre il 90% dei casi i livelli colpiti sono L4-L5 e L5-S1.

Tra i fattori predisponenti vanno evidenziati l’eccessivo peso corporeo, le attività lavorative troppo usuranti, una vita troppo sedentaria, una dieta poco equilibrata, un uso eccessivo di alcolici, il fumo, determinate attività sportive di tipo agonistico protratte nel tempo che comportino eccessivi carichi e torsioni sulla colonna, fattori costituzionali (anello discale con particolare fragilità intrinseca), malattie reumatiche (artrite reumatoide).

Il quadro clinico, determinato dalla compressione esercitata dal materiale erniato sulla radice e sul ganglio spinale con deformazione diretta delle fibre nervose, è costituito nel 95% dei casi solo da lombalgìa ed in meno del 5% dei casi da una radicolopatia associata, con coinvolgimento del nervo sciatico (radici L5 ed S1) e/o crurale (radici L4 e prossimali).

Nel primo caso si parla di lombosciatalgìa, nel secondo di lombocruralgìa.

Possono essere presenti solo segni di irritazione radicolare, con dolore e parestesìe (soggettiva sensazione di formicolìo ed addormentamento) oppure, nei casi più gravi di compressione della radice nervosa, alterazione della sensibilità, della forza muscolare o dei riflessi.

L’esame strumentale più specifico e dettagliato per la diagnosi di patologia discale è senza dubbio la risonanza magnetica, sia per l’elevata risoluzione che per la maggiore differenziazione dei tessuti molli rispetto alla TC.

Alla diagnosi contribuisce l’esame obiettivo neurologico, con la valutazione della motilità e della forza, della sensibilità, dei riflessi e di specifici test clinici.

La terapia conservativa nei casi di ernia del disco va praticata da 4 a 6 settimane dall’insorgenza di un quadro di radicolopatia tipico (in assenza di deficit motori).

I trattamenti conservativi prevedono l’utilizzo di farmaci (cortisonici, FANS, oppioidi, miorilassanti, neurotrofici, anticonvulsivanti), fisiokinesiterapia, terapie fisiche, trattamenti mini-invasivi (infiltrazioni, radiofrequenza, anuloplastiche, disconucleolisi tramite laser, coblazione, ossigeno-ozono terapia).

La terapia chirurgica consiste nella erniectomia e/o discectomia microchirurgica, cioè nell’asportazione del materiale discale erniato associata o meno all’asportazione della residua parte interna del disco.

L’intervento chirurgico deve essere preso in considerazione in caso di fallimento, a giudizio congiunto del chirurgo e del paziente, di trattamenti conservativi adeguatamente condotti per almeno quattro settimane.

 

Affinchè venga posta la giusta indicazione chirurgica è di fondamentale importanza la congruenza tra: 1) sintomatologia riferita dal paziente (localizzazione del dolore e delle parestesie); 2) esame neurologico (test clinici e riflessi per la radice corrispondente, valutazione della marcia); 3) diagnostica strumentale (risonanza magnetica) che conferma il livello di interessamento discale.

— Dr. Francesco Nobile —

Resta connesso!

Vuoi ricevere aggiornamenti sulle nostre attività, promozioni e news.
Iscriviti adesso alla nostra newsletter inserendo la tua mail e sarai subito connesso.

Contattaci

Centro Ortopedico

+39 0935 41555

h08:30 - 13:00 / h14:30 - 19:00

Area Medico Riabilitativa
Amministrazione

+39 0935 533657

h09:00 - 13:00 / h14:30 - 19:00

Utility

Certificazioni

UNI EN ISO 9001:2015

Contributi pubblici:

Contributo conto esercizio €69.000,00 Invitalia

Contributo conto impianti €348.650,00 Invitalia

Credito imposta investimenti aree svantaggiate €34.117,50 Agenzia delle Entrate

La società ha ricevuto benefici rientranti nel regime degli aiuti di Stato e nel regime de minimis per i quali sussiste l’obbligo di pubblicazione nel registro nazionale degli aiuti di Stato di cui all’Art 52 della L.234/2012

Link