La sublussazione glenomerale

è una lesione articolare caratterizzata dalla perdita del rapporto anatomico tra la testa omerale e la cavità glenoidea della scapola. La debolezza dei muscoli della cuffia dei rotatori o la lassità dei legamenti favorisce lo scivolamento della testa omerale fuori dalla fossa glenoidea e provoca la sublussazione gleno-omerale.

Le cause possono essere traumatiche, non traumatiche e neuromuscolari.

La causa traumatica, è più frequente nei soggetti giovani che praticano sport; tuttavia, anche uno sport senza contatto con movimenti ripetitivi della spalla può causare sublussazione.

Per la causa non traumatica, l’eziologia potrebbe essere multifattoriale. I pazienti possono avere un controllo non ottimale dei muscoli della spalla o lesioni ai tendini/legamenti della cuffia dei rotatori.

Le cause neuromuscolari che possono portare alla sublussazione della spalla sono l’ictus, la paralisi cerebrale e la lesione del plesso brachiale.

La sublussazione glenomerale può essere anteriore, posteriore o inferiore. La sublussazione anteriore è la forma più comune e può essere causata da una varietà di fattori, come cadute, sport di contatto o forze di trazione sulla spalla.

I pazienti presentano sintomi di: rigidità, dolore e instabilità del cingolo scapolare.

È importante un’anamnesi accurata per conoscere eventuali pregresse lussazioni, il meccanismo della sublussazione (direzione dei movimenti della spalla durante l’evento traumatico) e la storia familiare dell’instabilità della spalla.

L’esame obiettivo deve essere eseguito bilateralmente; il confronto tra entrambi i lati è importante per stabilire una diagnosi corretta. Si suggerisce di eseguire l’ispezione dei contorni della spalla, l’esame del range di movimento attivo e passivo e test di forza.

Una diagnosi precoce e il trattamento tempestivo sono fondamentali per prevenire complicanze e ripristinare la funzionalità articolare.

La diagnosi della sublussazione glenomerale può essere effettuata attraverso una serie di esami strumentali, come radiografie, risonanza magnetica o ecografia.

Il trattamento della sublussazione glenomerale dipende dalla gravità della lesione e dalle condizioni cliniche del paziente.

La fisioterapia rappresenta un'opzione terapeutica importante per ripristinare la stabilità articolare e migliorare la funzionalità della spalla.

Trattamento non chirurgico

Nella sublussazione traumatica della spalla, i trattamenti immediati includono impacchi di ghiaccio per ridurre il gonfiore dei tessuti molli, evitare posture che portano a sublussazioni ricorrenti e indossare un tutore protettivo. I FANS possono essere utilizzati per il controllo del dolore. Gli esercizi di mobilizzazione articolare sono utili per ripristinare il ROM articolare e prevenire la rigidità. L’esercizio terapeutico rappresenta un’importante componente nel trattamento della sublussazione glenomerale. Gli esercizi terapeutici sono finalizzati a ripristinare la funzionalità articolare, a migliorare la forza muscolare e la stabilità dell’articolazione della spalla.
Inoltre, è importante che gli esercizi terapeutici siano personalizzati in base alla gravità della lesione e alle condizioni cliniche del paziente; in modo da valutare la progressione dell’esercizio e la risposta del paziente al trattamento. La riabilitazione dovrebbe mirare sul progressivo rafforzamento della cuffia dei rotatori, del deltoide e dei muscoli stabilizzatori del cingolo scapolare. Si raccomandano anche esercizi per migliorare la coordinazione delle spalle con modifiche allo stile di vita.
In casi più gravi, come quelli in cui la lesione è associata a lesioni dei tessuti molli o a instabilità articolare, può essere necessario ricorrere all’intervento chirurgico.

Trattamento chirurgico

La gestione chirurgica è considerata nei pazienti più giovani o negli individui con sublussazioni croniche della spalla. Le indicazioni per l’operazione includono il fallimento del trattamento non chirurgico, la dislocazione ricorrente in età più giovane, la dislocazione della testa omerale senza la possibilità di ridurla o una riduzione instabile.

Articoli recenti

Young woman with a broken ankle on crutches.

Fratture bimalleolari

AREA MEDICO RIABILITATIVA Le fratture bimalleolari sono una tipologia di frattura della caviglia che coinvolge

Skin aging concept. Beautiful aged woman looking at mirror at wrinkles near eyes, checking face

Invecchiamento cutaneo

L’invecchiamento della pelle è un processo fisiologico e naturale interessa ogni persona, con modifiche strutturali

Resta connesso!

Vuoi ricevere aggiornamenti sulle nostre attività, promozioni e news.
Iscriviti adesso alla nostra newsletter inserendo la tua mail e sarai subito connesso.

Contattaci

Centro Ortopedico

+39 0935 41555

h08:30 - 13:00 / h14:30 - 19:00

Area Medico Riabilitativa
Amministrazione

+39 0935 533657

h09:00 - 13:00 / h14:30 - 19:00

Utility

Certificazioni

UNI EN ISO 9001:2015

Contributi pubblici:

Contributo conto esercizio €69.000,00 Invitalia

Contributo conto impianti €348.650,00 Invitalia

Credito imposta investimenti aree svantaggiate €34.117,50 Agenzia delle Entrate

La società ha ricevuto benefici rientranti nel regime degli aiuti di Stato e nel regime de minimis per i quali sussiste l’obbligo di pubblicazione nel registro nazionale degli aiuti di Stato di cui all’Art 52 della L.234/2012

Link

Sport bonus € 6.500,00 Agenzia delle Entrate

Contributo a fondo perduto € 7.500,00 Regione Sicilia

Credito d’imposta ricerca e sviluppo, innovazione € 44.443,57 Agenzia delle Entrate

Credito d’imposta ex L. 178/2020 c. 1054 € 1.343,00 Agenzia delle Entrate

Gli altri aiuti fruiti sono consultabili nella sezione del Registro Nazionale aiuti di stato al seguente link:
RNA Trasparenza Aiuti

Link